"Non ho un giudizio definitivo su me stesso e la mia vita. Non vi è nulla di cui mi senta veramente sicuro. Non ho convinzioni definitive, proprio di nulla. So solo che sono venuto al mondo e che esisto [...] sul fondamento di qualche cosa che non conosco. Ma nonostante tutte le incertezze, sento una solidità alla base dell'esistenza e una continuità nel mio modo di essere", Carl Gustav Jung

L’anoressia. Alla ricerca del secondo “perché”. Un nuovo approccio al disturbo anoressico confermato da trent'anni di lavoro psicoanalitico e presentato per la prima volta in attesa della pubblicazione di un libro nel 2017. Verranno prese in considerazione l'evoluzione storica del...

Conoscere il pensiero di Carl Gustav Jung: incontri divulgativi a Bologna. Il Centro Culturale Junghiano Temenos è formato da un gruppo di appassionati e studiosi
 junghiani animati dal desiderio d...

La Simbolica della Divina Commedia. Il seminario, articolato in sei giorni, due week end consecutivi, si propone una lettura e interpretazione dei vari simboli di questo straordinario viaggio. I parte...

Laboratorio sui sogni Il sogno ha una parte fondamentale nella psicologia analitica. È la porta che conduce alla parte più nascosta e intima dell’anima. I sogni sono l’esperienza con l’immagin...

La geografia delle emozioni. "L’autonomia dell’inconscio comincia là dove nascono le emozioni. Le emozioni sono reazioni istintive, involontarie, che turbano con ...