"Non ho un giudizio definitivo su me stesso e la mia vita. Non vi è nulla di cui mi senta veramente sicuro. Non ho convinzioni definitive, proprio di nulla. So solo che sono venuto al mondo e che esisto [...] sul fondamento di qualche cosa che non conosco. Ma nonostante tutte le incertezze, sento una solidità alla base dell'esistenza e una continuità nel mio modo di essere", Carl Gustav Jung

SAL, sostanza arcana. Premessa In questi appunti riporto parte delle parole di Jung (1), le mie riflessioni, appunti di alchimia presi durante le lezioni del dr. Marco Venanzi (2) e parte del capitolo su Natrium Muriaticum in “Omeopatia e psicanalisi” di Whi...

libro rosso

Archeologie Junghiane. L’attualità del Libro Rosso di Marco Gay. “I più grandi mistici avevano sempre lo scopo di salvare il mistico per intero, la tendenza...

stati-modificati-di-coscienza

Gli Stati Modificati di Coscienza "L’estasi [dello sciamano] è spesso accompagnata da uno stato [di coscienza] in cui lo sciamano è “posseduto” dallo spirito d...

maschile-e-femminile

Maschile e femminile nella psicologia analitica. Snodo centrale del pensiero e della prassi di C. G. Jung è il mistero della congiunzione tra opposti, che genera energia, conflitto, tensione, ripulsa...

pudicizia-velata

Il pudore. Dov’è, cos’è, dove ci porta, esiste ancora? Tre psicoanalisti si sono interrogati sul senso del pudore. Lo hanno esaminato sotto diverse sfaccettature, è stato oggetto di rice...