Archeologie junghiane. Attualità del Libro Rosso.

“I più grandi mistici avevano sempre lo scopo di salvare  il mistico per intero, la tendenza è abolire il mondo per ricrearlo. Secondo me, questa tendenza verso il puro è universale”, M. Eliade

“Nelle condizioni attuali il mondo è invivibile, se non riesce a trovare quel che i primitivi possedevano: la possibilità del dono”, G. Bataille

 

Nel 2010 è uscito il Libro Rosso di C. G. Jung, postumo, motivo di scandalo, profanazione della privacy del maestro, oggetto di culto, strenna natalizia e merce mediatica, tra gotiche scritture e disegni ospitati alla Biennale di Venezia come espressione di un sapere enciclopedico visionario. A differenza di altri commenti, “Archeologie Junghiane”, non è né di uno storico, né di un filosofo, ma di un clinico. Il clinico non si stupisce davanti al pandemonio dell’immaginazione di Jung, testimonianza del travaglio di un uomo alla prese con la più potente crisi della modernità: quella tra la Prima e la Seconda Guerra Mondiale. L’immaginazione, che oscilla tra il sublime e il tremendo, fa emergere arcaismi millenari. Ecco allora nel libro rosso la guerra, la religione, la magia, il sapere nel cuore, l’anima mundi, l’umana natura, la saggezza del paganesimo, la morte, la vita verdeggiante. L’autore di questo testo attraversa i percorsi archeologici del Libro Rosso mettendo in evidenza i nessi che lo legano all’opera successiva di Jung. In questa prospettiva Jung partecipa come Kandinsky, Joyce ed altri, all’avventura delle avanguardie, che si trovano ad affrontare la frammentazione della soggettività europea e il suo invisibile sfondo.

———————————————————————–

Marco Gay, 1943 Pinerolo (To), laureato in Filosofia, è psicoterapeuta e analista junghiano. Si è formato a C.G. Jung Institut di Zurigo, dove per sei anni ha lavorato nella Clinica psichiatrica junghiana Zürichberg. È tra i fondatori della rivista La Pratica Analitica ed ha diretto Immediati dintorni; è cofondatore della Scuola psicoterapeutica Li.sta di Milano. Ha fondato l’onlus Metis Africa, nella quale ha messo in opera progetti di cooperazione nell’area Dogon del Mali. E’ autore de La relazione analitica. Da Asclepio a Don Giovanni (Red, 1998); curatore di Là dove il mito vive (Moretti & Vitali, 2002); curatore con Isolde Schiffermüller de Lo Zarathustra di Nietzsche: C.G. Jung e lo scandalo dell’inconscio (Moretti & Vitali, 2013). Oltre a vari saggi, conferenze, laboratori tra cui l’”immaginazione attivata”, legata alla trance e all’esperienza olotropica di Grof.

———————————————————————–


M. Gay, Archeologie junghiane. Attualità del Libro Rosso., Paolo Emilio Persiani Editore (Collana Temenos), Bologna, 2015