Articoli della sezione Arte



Carlo Pancera: “La forza del mito. L’eroico viaggio di J. Campbell attraverso la mitologia comparata” di Moretti & Vitali.

«Nessuno in questo secolo, né Freud, né Thomas Mann, né Lévi-Strauss, ha altrettanto riportato il senso mitico del mondo e le sue eterne figure nella nostra coscienza quotidiana»: così James Hillman misurò l’importanza dell’opera di Joseph Campbell (1904-1987), un corpus di straordinari titoli che continua ... continua

Annemarie Schwarzenbach: “Fuga verso l’alto”.

“Fuga verso l’alto” è il romanzo della scrittrice Annemarie Schwarzenbach, edito per la prima volta nel 1933 e pubblicato solo nel 2016 nella Collana “La Cultura” della Casa Editrice milanese Il Saggiatore. La “fuga verso l’alto”, verso le montagne innevate e immacolate, di Francis von Ruthern, ... continua

Riflessioni sul gesto creativo.

La nascita, la ricerca, la crescita nel segno attraverso il gesto dell’immagine emerge da un’energia interiore. L’incontro con lo spazio pieno, su cui s’inizia a operare, diventa attimo sospeso e dilatato insieme, come ampliata e profonda si sente quella superficie che si trasforma in un ... continua

Lo sguardo nella costituzione del sé. Dallo sguardo al selfie.

Il mondo dell’arte e delle relazioni è fatto di sguardi. Lo sguardo non è qui inteso come l’organo di cui è disposto il corpo la cui funzione è la vista. Anche il cieco è dotato di sguardo.  Derrida:  “L’occhio può perdersi, può smettere di funzionare, ... continua

Jung e lo sguardo sulla morte, “episodio tra due grandi misteri”.

Il "Compianto sul Cristo morto" (1303-05) di Giotto che possiamo ammirare dal vero nella cappella degli Scrovegni a Padova, ci da l'occasione di riflettere sulla morte. L'artista conduce l'occhio dell'osservatore verso il nucleo espressivo della scena ossia l'abbraccio ma soprattutto lo sguardo di Maria sul Maestro morto. La ... continua

La voce degli angeli

"L'eternità venne nel tempo, l'immensità nella misura, il Creatore nella creatura ... l'infigurabile nella figura, l'inenarrabile nel discorso, l'inesplicabile nella parola, l'incircoscrittibile nel luogo, l'invisibile nella visione...”, S.Bernardino: Sermone 49   Ogni immagine definisce un campo, si fonda come quadro... Quale sia la natura dell'immagine (un disegno infantile o ... continua

Il mito di Narciso nella poesia di Rilke.

"Non è solo perché rischi di perderla che la tua testa è preziosa" (1), Julia Kristeva "Quando sarà, quando sarà, quando sarà che ne avremo abbastanza di lamenti e di parole? Non c'è forse stato chi ha insegnato a unire le parole degli uomini? Perché tentare ancora", R. M. Rilke Vorrei ... continua

Narciso esaudito nella poesia di Rilke.

La poesia di Rilke è affollata dalle fìgure del mito, è essa stessa mito sia nel significato letterale di "parola", sia nel senso più profondo di mito come mondo che sta chiuso in se stesso e che chiede di essere aperto, svelato, per essere compreso. Narciso torna quattro ... continua

Sul significato dei colori

Il colore colora tutta l’esistenza, in tutti i suoi piani. Si osserverà, con giusta fondatezza, che si tratta di un’osservazione banale, ma in realtà furono necessari millenni di evoluzione per prendere coscienza dei colori. Alla fine degli anni Sessanta, Berlin e Kay dimostrarono che il lessico cromatico delle ... continua