Pavel Florenskij: “La verità è antinomia”.

L’incontro con Pavel Florenskij ha segnato profondamente la mia vita e quindi questo articolo lo si deve intendere come una dichiarazione d’amore. L’occasione è la nuova edizione del capolavoro del 1914 “La colonna e il fondamento della verità” grazie al contributo encomiabile di Natalino Valentini, al quale si deve la cura di molti altri scritti, tra cui “Bellezza e liturgia”, “L’epistolario dal gulag”, “Non dimenticatemi” e “Le memorie Ai miei figli”. Come ogni dichiarazione d’ amore, anche questa si rivolge alla più intima umanità dell’interessato, a quel mistero personale non riassumibile nelle sue conoscenze.

Dico questo per liberare Florenskij dall’incanto della sua genialità (“il Leonardo da Vinci della Russia”) per l’essere stato matematico, fisico, ingegnere, e, sull’altro versante, teologo, filosofo, storico dell’arte. Marito e padre di cinque figli, fu anche sacerdote ortodosso, status che gli costò la vita nel 1937. Essere sacerdote e insieme scienziato era una smentita vivente dell’ideologia comunista, per la quale la fede era solo ignoranza: la dittatura non poteva tollerarlo e non lo tollerò. Da una lettera del 1917 emerge la sua inconfondibile personalità:

“Nello spazio ampio della mia anima non vi sono leggi, non voglio la legalità, non riesco ad apprezzarla […]. Non mi turba nessun ostacolo costruito da mani d’ uomo: lo brucio, lo spacco, diventando di nuovo libero, lasciandomi portare dal soffio del vento”.

Eccoci al cospetto di un nesso incandescente: dedizione assoluta per “la colonna e il fondamento della verità” e insieme vibrante ribellione a ogni legaccio della libertà. Si comprende così come non solo per il regime ma anche per la Chiesa gerarchica il suo pensiero era ed è destabilizzante, tant’ è che ancora oggi, nonostante il martirio, Florenskij non è stato beatificato.

Durante la prigionia scriveva al figlio Kirill: “Ho cercato di comprendere la struttura del mondo con una continua dialettica del pensiero”. Dialettica vuol dire movimento, pensiero vivo, perché “il pensiero vivo è per forza dialettico”, mentre il pensiero che non si muove è quello morto dell’ ideologia, che, nella versione religiosa, si chiama dogmatismo. Il pensiero si muove se è sostenuto da intelligenza, libertà interiore e soprattutto amore per la verità, qualità avverse a ogni assolutismo e abbastanza rare anche nella religiosità tradizionale.

Al riguardo Florenskij racconta che da bambino “il nome di Dio, quando me lo ponevano quale limite esterno, quale sminuimento del mio essere uomo, era in grado di farmi arrabbiare tantissimo”. La sua lezione spirituale è piuttosto un’ altra: la fede non è un assoluto, è relativa, relativa alla ricerca della verità. Quando la fede non si comprende più come via verso qualcosa di più grande ma si assolutizza, si fossilizza in dogmatismo e tradisce la verità. La dialettica elevata a chiave del reale si chiama antinomia, concetto decisivo per Florenskij che significa “scontro tra due leggi” entrambe legittime.

L’antinomia si ottiene guardando la vita, che ha motivi per dire che ha un senso e altri opposti. Di solito gli uomini scelgono una prospettiva perché tenerle entrambe è lacerante, ma così mutilano l’ esperienza integrale della realtà. Ne viene che ciò che i più ritengono la verità, è solo un polo della verità integrale, per attingere la quale occorre il coraggio di muoversi andando dalla propria prospettiva verso il suo contrario. Conservando la propria verità, e insieme comprendendone il contrario, si entra nell’ antinomia.

“La verità è antinomica e non può non essere tale”, scrive Florenskij nello straordinario capitolo della Colonna dedicato alla contraddizione dove convengono Eraclito, Platone, Cusano, Fichte, Schelling, Hegel. Ma è per Kant l’ elogio più alto: “Kant ebbe l’ ardire di pronunciare la grande parola ‘antinomia’, che distrusse il decoro della pretesa unità. Anche solo per questo egli meriterebbe gloria eterna”. In realtà questa celebrazione della vita aldilà del concetto è il trionfo dell’ anima russa, quella di Puskin, Gogol, Dostoevskij, Tolstoj, Cechov, Pasternak, e che pure traspare da molte pagine di Florenskij cariche di poesia. Per lui anche la Bibbia e la dottrina sono colme di antinomie, in particolare la Lettera ai Romani è “una bomba carica di antinomie”. Ma di ciò si deve preoccupare solo chi ha una concezione dottrinale del cristianesimo, non chi, come Florenskij, lo ritiene funzionale alla vita.

Tra i due nomoi dell’ antinomia non c’è però per Florenskij perfetta simmetria: operativamente egli privilegia il polo positivo. Pur sapendo bene che “la vita non è affatto una festa, ma ci sono molte cose mostruose, malvagie, tristi e sporche”, non cede mai alla rassegnazione o al cinismo; al contrario insegna ai figli che “rendendosi conto di tutto questo, bisogna avere dinnanzi allo sguardo interiore l’armonia e cercare di realizzarla”. Tale armonia non può venire dal mondo, dove regna l’antinomia, ma da una dimensione più profonda. La voglio illustrare con alcune righe del testamento spirituale, iniziato nel 1917, l’anno della rivoluzione, avendo subito intuito la minaccia che incombeva su di lui:

“Osservate più spesso le stelle. Quando avrete un peso sull’ animo, guardate le stelle o l’ azzurro del cielo. Quando vi sentirete tristi, quando vi offenderanno, quando qualcosa non vi riuscirà, quando la tempesta si scatenerà nel vostro animo, uscite all’ aria aperta e intrattenetevi, da soli, col cielo. Allora la vostra anima troverà la quiete”.

 

Vito Mancuso, Repubblica 10 maggio 2010