"Non ho un giudizio definitivo su me stesso e la mia vita. Non vi è nulla di cui mi senta veramente sicuro. Non ho convinzioni definitive, proprio di nulla. So solo che sono venuto al mondo e che esisto [...] sul fondamento di qualche cosa che non conosco. Ma nonostante tutte le incertezze, sento una solidità alla base dell'esistenza e una continuità nel mio modo di essere", Carl Gustav Jung

Autenticità e identità (L’Ombra) Nel convegno ARPA, tenutosi a Firenze il 23 Settembre 2018, sul tema dell’identità e autenticità, da cui proviene buona parte del materiale presentato in questo numero della rivista, era presente una formidabile testimone dell’arte contemporane...

Occidente e oriente di fronte al sacro. Due mondi e culture diverse a confronto sul tema della spiritualità.Il Centro Culturale Junghiano Temenos è formato da un gruppo di appassionati e studiosi...

“Momenti di tensione”: Gianluca Minella intervista Michele Oldani.Siamo qui oggi con Michele Oldani per cercare di riflettere e approfondire, partendo dalla prospettiva epistemologica junghiana, s...

Ferdinando Testa: “La Clinica delle immagini. Sogno e psicopatologia” di Moretti & Vitali."Sii paziente verso tutto ciò che è irrisolto nel tuo cuore e... ce...

Un giorno di meditazione Con Martin KalffMartin Kalff, terapeuta della sandplay, ha studiato e praticato meditazione nella tradizione buddista tibetana per oltre quarant’anni. Ha studiato religi...

“Sincronicità”: Andrea Graglia Intervista Claudio Widmann.Era l’inizio del 2010, credo, quando nel reparto “libri” all’interno di un autogrill, mi imbattei in un libro di cui non ...