Il femminile e il materno.

Nella letteratura antropologica e perfino in quella analitica non sempre il femminile viene accuratamente differenziato dal materno. I miti della donna, tuttavia, non sempre si identificano con i miti della madre. Il mito di Demetra-Kore-Persefone è esemplificativo: all’interno di questa trinità femminile, solo Demetra personifica aspetti del materno psicologico, ma tutte e tre le figure personificano aspetti del femminile.. Muovendo da queste premesse, alcuni miti esemplificativi consentono di delineare un sommario profilo del femminile psicologico e altri quello del materno psicologico.

Tale differenziazione è epistemologicamente opportuna, ma soprattutto sembra essere psicologicamente urgente nella psiche collettiva attuale. Un numero crescente di donne infatti, difatti, ricerca vie per attualizzare la propria identità femminile senza passare attraverso la maternità. Per contro si affacciano scenari storicamente innovativi, che prospettano la possibilità di interpretare il materno senza identificarsi con il femminile.

Incontro semi-esperenziale

Conduttore:

Claudio Widmann, psicoanalista junghiano, scrittore

Programma:

Sabato 16 novembre 2019 | dalle 10.00 alle 18.00

Domenica 17 novembre | dalle 9.00 alle 13.00

Quota di partecipazione:

220,00 € (+ 20.00 € pe i nuovi soci)

 

……………………………………………………………………………………………………..

Per informazioni:

TEMENOS, Centro cultrale Junghiano
Via Venturi, 20 – 40053 Bazzano Bo

E-Mail: temenosjunghiano@virgilio.it
E-Mail: info@temenosjunghiano.com
Telefono: 051 830840 – Mob: 346 0867283
www.temenosjunghiano.com