Il femminile ed il materno nei sogni e nell’archeologia.

Il tempo della maternità rimanda non solo ai ricordi dell’infanzia, ma anche ad una memoria remota, preverbale impressa nel corpo, rimanda all’origine della vita.

Mentre il nuovo essere percorre le varie tappe evolutive dell’embriogenesi, la madre sembra compiere il percorso della filogenesi umana ma nella direzione opposta: da una parte c’è l’embrione che si sviluppa, dall’altra c’è la mente della madre che sembra regredire verso stadi precedenti.

La madre attraverso i sogni può cogliere quei frammenti dell’inconscio che giungono alla coscienza, ripercorrere tracce della propria storia familiare, in cui sono incise ingiustizie, rancori che attendono di essere sciolti.

Il terapeuta come una “levatrice”, può accompagnare il venire alla luce dei sogni delle madri per vivere con esse la nascita di una nuova vita riconciliata con la vita.

I sogni aiutano a vivere.

Laboratorio condotto da: Angelo Recusani, medico psicoterapeuta junghiano

…………………………………………………………………………………………………………

Laboratorio

Studio del dr. A. Recusani | Via San leonardo. 8/1 PARMA | ore 16,00 alle 18,00

  • Sogni e archeologia del matriarcato | mercoledì 18 marzo 2020
  • Sogni nella gravidanza mercoledì | mercoledì 15 aprile 2020
  • Sogni nella relazione femminile-maschile mercoledì | mercoledì 13 maggio 2020

Destinatari: operatori del settore

Quota di partecipazione:

€ 150,00 per i tre incontri (+ € 20,,0 di quota associativa annuale se non ancora soci)

 

 

 

 

 

 

 

 

…………………………………………………………………………………………………………

Per informazioni e iscrizioni:

TEMENOS, Centro cultrale Junghiano
Via Venturi, 20 – 40053 Bazzano Bo

E-Mail: temenosjunghiano@virgilio.it
E-Mail: info@temenosjunghiano.com
Telefono: 051 830840 – Mob: 346 0867283
www.temenosjunghiano.com