Articoli della sezione Teologia



Il Dio Ignoto, a cura di Robert M. Mercurio

dio ignotoOltre le immagini canoniche di Dio definite dogmaticamente dalle varie ortodossie, l’immaginazione e la sensibilità religiosa delle persone hanno sempre riconosciuto altre manifestazioni, meno evidenti, di dio e della dea. Dall’animismo al politeismo, dallo gnosticismo all’alchimia e la filosofia ermetica, una presenza della divinità non definita ... continua

Riflessioni intorno alla pandemia. Conversazione con Vito Mancuso a cura di Gianluca Minella

Siamo nella fase di allentamento delle restrizioni che tutti i governi del pianeta hanno messo in atto per contenere la pandemia. Seguendo spirito che ha sempre animato il Centro Culturale Junghiano Temenos,  che è sempre stato fin dalla sua fondazione quello di comprendere “la situazione psichica ... continua

Riflessioni intorno alla pandemia. Conversazione con Angelo Croci a cura di Gianluca Minella

Angelo CrociContinuiamo l’itinerario di riflessioni sulla pandemia incontrando oggi Angelo Croci che abbiamo raggiunto telefonicamente. Da quando il virus ha iniziato a diffondersi ci stiamo interrogando su quello che sta accadendo. Sta cambiando la nostra vita, stanno mutando i nostri comportamenti quotidiani, si sta trasformando la relazione ... continua

“Stiamo già cambiando”. Intervista a Vito Mancuso

Dal punto di vista spirituale: “Questa può essere la più autentica di tutte le Pasque che abbiamo celebrato fin qui, anche se non potremo andare a messa, né uscire di casa”. La ragione, secondo Vito Mancuso, teologo e scrittore, è inscritta nella parola: “Pasqua è un ... continua

Andrea Calvi: “Quel che resta di Dio” di Moretti & Vitali.

Nel titolo di un libro si condensa il suo senso, la traccia del percorso che si è sobbarcato il pensiero, l’intuizione e il sentimento dell’autore per approdare a una sintesi, o meglio a un’ipotesi convincente nella sua valenza di apertura a quella continua ricerca di significato che sostanzia l’animo ... continua

“Jung e il sentimento religioso”. Intervista a Robert Michael Mercurio a cura di Gianluca Minella

In un saggio nel quale prende le distanze da un atteggiamento troppo riduttivo della psicoanalisi freudiana, Jung scrive: «non posso evitare […] il rimprovero di spiegare l’uomo troppo esclusivamente dal punto di vista patologico o alla luce dei suoi difetti. Un esempio convincente di questo è ... continua

L’ organizzazione perfetta. Una saggezza antica al servizio dell’impresa moderna.

“Non sia turbolento né inquieto, non sia violento né ostinato, non invidioso né eccessivamente sospettoso altrimenti non avrà mai pace […] Nei suoi stessi comandi sia previdente e assennato e in ciò che impone nello spirituale o nel temporale agisca con saggezza e misura, imitando ... continua

Adriana Zarri: “Un eremo non è un guscio di lumaca”.

"Qualcuno dice che mi sono 'ritirata' in un eremo; e io puntualmente reagisco. Un eremo non è un guscio di lumaca, e io non mi ci sono rinchiusa; ho solo scelto di vivere la fraternità in solitudine. E lo preciso puntigliosamente per rispondere all'obiezione che ... continua

La spiritualità del ‘900: Pavel Florenskij.

Nato il 9 Gennaio 1882, matematico, ingegnere, ma anche filosofo dell’arte, teologo e sacerdote della chiesa ortodossa russa: per quest’ultimo motivo fu fucilato l’8 Dicembre 1937. In lui le due grandi dimensioni del sapere, oggi scisse, si sommano: quella scientifica da un lato e quella ... continua

Rimbaud: io è un Altro

Nonostante il mondo stia crollando a pezzi, l'io occidentale non vuole convertirsi, non vuole mettersi in ascolto dell' Altro. Non vuole lasciare la scena, vuole continuare a fare il megafono di se stesso, il proprio monologo pazzo. Non vogliamo capire. Ci stiamo avvicinando ad un ... continua

Etty Hillesum: frammenti scelti

"Il grande cranio dell’umanità. Il suo potente cervello e il suo gran cuore. Tutti i pensieri, per quanto contradditori, nascono da quell’unico grande cervello: il cervello dell’umanità, di tutta l’umanità", Etty Hillesum, Diario, 21 ottobre 1941 "Quello che fa paura è il fatto che certi sistemi ... continua

La spiritualità del ’900: Dietrich Bonhoeffer.

Pastore protestante che venne ucciso la mattina del 9 aprile 1945 all’età di 39 anni dietro ordine personale di Hitler. Aveva lasciato cattedra, libri per entrare attivamente nella resistenza antinazista, per essere fedele al mondo e alla sua giustizia, per trasformare il mondo in un ... continua

La spiritualità del ‘900: Simon Weil.

Nata a Parigi da genitori ebrei il tre febbraio 1899 e morì nel 1943 in Inghilterra, nel mezzo della seconda guerra mondiale. Troviamo in lei pagine di luminoso amore per il mondo e per la vita, accanto ad altre di segno opposto. La si può paragonare ... continua

La spiritualità del ‘900: Teilhard de Chardin.

Gesuita francese nato nel 1881 e morto a New York il 10 Aprile 1955. L’ordine dei Gesuiti si contrassegna per un particolare voto di obbedienza al Papa, ma de Chardin si distinse in questo; teorizzò una teologia rivoluzionaria completamente differente nel pensiero e nella modalità ... continua

Spiritualità del ‘900: Etty Hillesum.

Nata in una cittadina olandese nel 1914 e morta nel campo di concentramento di Auschwitz nel 1943 a soli 29 anni. Laureata in Giurisprudenza, stava prendendo la seconda laurea in Lingue e Letterature russe, era un’ebrea non praticante. Il suo diario e le sue lettere ... continua

Etty Hillesum: “Diario”.

Etty (Esther) nasce nel 1914 a Middelburg, una cittadina olandese, da una famiglia della borghesia intellettuale ebraica La famiglia è di alto profilo: il padre è preside presso il liceo dove lei ha studiato, la mamma russa appassionata di musica e letteratura (vittima del pogrom), ... continua