Matteo Marino: “Hermann Hesse e il mito di Sé. L’uomo creativo che viveva con gli archetipi” di Moretti & Vitali

“Non c’è nulla di così ostico all’uomo
come percorrere la strada che lo conduce
a se stesso”, Herman Hesse, Deminan

 

“Il mio interessamento va tutto ai passi
che feci nella vita per raggiungere
me stesso”, Herman Hesse, Demian

 

Questo libro è un’avventurosa analisi del processo creativo e individuativo di un uomo, che affidandosi al potere di una scrittura ispirata è riuscito ad entrare in contatto con gli insegnamenti delle eredità archetipiche.

Affidandosi e talvolta scontrandosi coi nemici e gli amici del suo mondo fantasmatico interiore, facendo rivivere – reinterpretandole – le sue emozioni, i conflitti, le paure e le doti attraverso le peripezie dei suoi personaggi romanzati, come fossero gli attori di uno psicodramma o i manichini di un teatro magico, ha dato avvio ad una catarsi simbolica collettiva.

Come un ramoscello che oscilla tra le immense fronde mosse dai venti, si è tenuto in equilibrio muovendosi affannosamente e vivendo appassionatamente tra i contrari ma complementari aspetti del Sé, fino alla tanto agognata armonia: il ricongiungimento con madre natura, anima di tutte le cose e fonte di vita.

Ancorandosi alla maieutica della psicoterapia junghiana è riuscito ad incamminarsi con coraggio alla ricerca dell’anima perduta, a immergersi negli abissi della madre terra e a perdersi, per poi ritrovarsi.

Un uomo, Hesse, che grazie alla sua creatività ed un percorso di psicoterapia junghiana è riuscito ad esprimersi nella totalità. Un libro di psicologia del profondo su uno dei più grandi scrittori del ‘900, Hermann Hesse, scritto da Matteo Marino e con prefazionedi Marco Gay e postfazione di Emanuele Casale.

Un libro di psicologia che occuperà un posto di rilievo nello scenario della letteratura inerente allo scrittore premio Nobel Hermann Hesse, che è anche testimonianza dell’influenza feconda e reciproca che Letteratura e Psicologia del profondo hanno fin da inizio secolo.

 

Matteo Marino, Hermann Hesse e il mito di Sé. L’uomo creativo che viveva con gli archetipi, Moretti & Vitali, 2017.